skip to Main Content
Vacanze in Cilento

Tempo di ferie? Per alcuni sono già iniziate mentre per altri è almeno iniziato il conto alla rovescia. Se tu, invece, stai ancora valutando dove andare in vacanza quest’estate, c’è un suggerimento che ci sentiamo di darti. Si tratta delle vacanze in Cilento. Non solo per la bellezza dei posti ma anche per la predisposizione della gente locale che garantisce benessere mentale oltre che fisico. Un valore in cui crediamo molto.

Stando alla definizione topografica del Cilento, si tratta di:

una parte della Lucania occidentale che è un’area montuosa della Campania in provincia di Salerno, nella zona meridionale della regione, dichiarata dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità.

La storia parla di questi luoghi fin dalla notte dei tempi. Tantissimi miti greci e romani, infatti, sono ambientati su quelle coste. Per fare un esempio, il mito più famoso del Cilento è quello dell’isola delle sirene nell’Odissea. Risiedevano là le creature malefiche che, secondo il poeta Omero, intonavano un canto che faceva impazzire i marinai di passaggio portandoli a schiantarsi sugli scogli con le loro navi.

Adesso le vacanze in Cilento sono tornate alla cronaca per una storia molto più romantica.

Obbligo di baciarsi

Sul belvedere di Trentinara è apparso un cartello che testualmente dice “Kiss Please” (che tradotto significa “Per favore baciatevi”). Graficamente il cartello raffigura Isabella e Saul, i due giovani amanti protagonisti della famosa leggenda legata proprio a questi luoghi.

I media hanno riportato in massa questa iniziativa amorosa e positiva.

Dai molti articoli usciti, s’è scoperto che l’idea (in verità simile a quanto già accaduto a Sirmione nel 2009) è stata di Michela Daniele, giovane cittadina trentinarese amante della sua terra al punto di volerla far ricordare nel mondo per ragioni positive.

Le parole di Michela Daniela

L’ideatrice del cartello obbligo di baciarsi spiega meglio la sua idea:

L’invito a baciare la persona amata nel punto più panoramico di Trentinara vuole essere un invito all’amore in tutte le forme e contro qualsiasi pregiudizio, esattamente come l’amore di Isabella e Saul. L’idea è quella di rendere il visitatore parte del magnifico paesaggio che abbiamo la fortuna di avere in dote.

Un bacio in questa splendida cornice deve poter esprimere anche l’amore per la propria terra. Vorremmo che Trentinara diventasse ufficialmente il paese dell’amore come testimonia già la presenza di una via intitolata al più nobile dei sentimenti, via dell’amore appunto.

Un’idea semplice, dunque, ma sicuramente originale ed efficace. Sono già tante infatti le coppie che, smartphone alla mano, sono andate a scattare un selfie al bacio sotto il cartello. Isabella e Saul saranno certo contenti di rivivere nei baci degli innamorati moderni.

La leggenda di Isabella e Saul

Se nel cartello che potrai vedere nella tua vacanza in Cilento ci sono Isabella e Saul, è bene conoscerne la storia.

Chi sono?

Si tratta di due giovani innamorati che si gettarono incatenati proprio dal punto in cui oggi sorge il segnale stradale.

Perché?

L’estremo gesto dei giovani nacque da una relazione impossibile: lui era un brigante e lei era una nobildonna. Un amore contrastato che esigeva un sacrificio per “stare per sempre insieme”. La leggenda di Isabella e Saul prosegue e racconta che, arrivati nel mare, assunsero la forma di una roccia, quella che gli abitanti del luogo chiamano “pietra incantata” sulla quale si può scorgere proprio le sagome di due persone abbracciate.

Esattamente dove i due saltarono nel vuoto c’è un punto panoramico del Cilento da cui potrai ammirare:

  • il golfo di Salerno;
  • l’isola di Capri;
  • l‘intera Costiera Amalfitana.

Cosa fare in Cilento

E’ ovvio che il cartello di Isabella e Saul sia solo uno spunto. Le cose da fare nelle tue vacanze in Cilento sono molte. Ecco le principali.

Paestum

Chiamata originariamente Poiseidonia, fondata nel VII secolo a.C. e dedicata al dio del mare, è una località turistica che conserva ancora templi dorici bellissimi.

Velia

Questa antica città, in greco chiamata “Elea”, venne fondata nel 500 a.C.. Nella sua acropoli puoi ancora trovare i resti di un tempio ionico e del teatro. Questa località fu la culla di una scuola filosofica presocratica detta scuola eleatica. Parmenide ne fu il fondatore e Zenone fu il suo illustre discepolo. Entrambi nativi di Elea, sono considerati tra i maggiori filosofi greci e fondatori della razionalità occidentale.

Certosa di San Lorenzo a Padula

Si trova nel Vallo di Diano ed è famosa in quanto struttura monastica ricca di tesori e molto bella. Chi studia architettura va spesso a trarre ispirazione là.

Non mancano motivi per goderti una bella vacanza in Cilento quindi. Non mancano motivi neanche per partire protetto.

Gli imprevisti in viaggio esistono ma la nostra polizza #ViaggioSingolo ti tutela da tutto quello che potrebbe rovinarti le ferie.

Scoprine di più sul sito o venendo nella sede di Roma a via Timavo 3 a parlarne con un nostro consulente.

Back To Top