skip to Main Content
+39 06 3759141 Ag802@hdiarete.it
Fonti normative della polizza RC Professionale:

Secondo la recente ed attuale normativa, c’è una precisa ratio dietro l’obbligatorietà della polizza RC professionale per avvocati. Si tratta della volontà del Legislatore di assicurare un livello di tutela adeguato a tutti i clienti degli studi legali ragionando sul presupposto che l’arco di azione di questo settore implichi un’intrinseca delicatezza sociale di una attività professionale che, per sua natura, incide su interessi e diritti fondamentali della persone.

E’ bene dare un peso specifico a quest’obbligo perché da tale può trasformarsi in beneficio del professionista legale. Basta capire quali tutele offra e, soprattutto, quale offerta dia il mercato in tal senso. La nostra assicurazione per avvocati è completa e specifica a seconda dei casi e sa essere competitiva anche come costi. Se vuoi saperne di più o avere, senza impegno, un preventivo gratuito sulla tua situazione, ti basta compilare il form sottostante e verrai richiamato da un nostro consulente quanto prima.

POLIZZA RESPONSABILITA' CIVILE PER AVVOCATI - SINGOLO PROFESSIONISTA
Si, acconsento a ricevere informazioni, promozioni e offerte esclusive e all'invio di materiale informativo e promozionale tramite email o posta
POLIZZA RESPONSABILITA' CIVILE per AVVOCATI - STUDIO ASSOCIATO
dddf

Nell’ottica di fornire un servizio preciso ai nostri clienti, ti offriamo una visione esaustiva delle fonti normative della polizza RC professionale per avvocati.

Il Decreto del 2016

Con la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale (serie gen. 11 ottobre 2016, n. 238) del Decreto del Ministero della Giustizia 22 settembre 2016, rubricato “Condizioni essenziali e massimali minimi delle polizze assicurative a copertura della responsabilità civile e degli infortuni derivanti dall’esercizio della professione di avvocato”, diventa attuale:

l’obbligo degli avvocati di munirsi dell’assicurazione per i rischi legati all’attività professionale, a pena di incorrere in illecito disciplinare, introdotto dall’art. 12 della L. 31 dicembre 2012, n. 247, legge di riforma della professione forense.

Quello che chiariscono queste prime fonti normative della polizza RC professionale per avvocati è che, attraverso lo strumento della copertura assicurativa obbligatoria, si vuole consentire che:

il cliente (o terzo vittima dell’inadempienza dell’avvocato o dei soggetti che con lui collaborano all’adempimento della prestazione) si trovi invariabilmente nella possibilità di ottenere soddisfazione economica nel caso in cui veda pregiudicato il proprio diritto, senza timore di trovarsi di fronte all’incapienza del patrimonio del professionista.

I benefici dell’avvocato

Quello che c’è dietro quest’obbligo è un beneficio per il professionista. Si tratta, infatti, di sollevare l’avvocato dalle responsabilità della professione, come confermato:

dalla mancata introduzione di un paritetico obbligo di contrarre della compagnia assicurativa o dell’azione diretta del danneggiato verso l’assicuratore, in un sistema che lascia comunque e sempre impregiudicato il principio della responsabilità personale ed illimitata dell’avvocato con il proprio patrimonio (esposto anche alle rivalse della compagnia assicurativa), nonostante l’introduzione di contenuti minimi obbligatori (specialmente la retroattività illimitata) finisca di fatto per aumentare in certa misura anche la protezione del patrimonio del professionista.

Le caratteristiche della polizza RC Professionale

Conoscere le fonti normative della polizza RC professionale per avvocati significa sapere quale prodotto si deve sottoscrivere. In tal senso è bene sapere l’assicurazione deve prevedere anche la copertura della responsabilità civile derivante da fatti colposi o dolosi di collaboratori, praticanti, dipendenti, sostituti processuali secondo questi snodi:

  • l’efficacia nel tempo della copertura assicurativa per avvocati deve prevedere una retroattività illimitata ed una ultrattività almeno decennale per gli avvocati che cessano l’attività, ed escludere la possibilità di recesso dell’assicuratore a seguito di sinistro nel corso di durata del periodo medesimo;
  • sono previsti massimali minimi (per sinistro e per anno) proporzionati al livello di struttura e di fatturato dell’attività professionale dell’avvocato e l’inopponibilità di eventuali franchigie e scoperti, nonché la possibilità di adeguare il premio sulla base del fatturato effettivo (c.d. clausola di regolazione del premio);
  • l’assicurazione è obbligatoria anche contro gli infortuni e deve essere prevista a favore degli avvocati e dei loro collaboratori, praticanti e dipendenti per i quali non sia operante la copertura assicurativa obbligatoria INAIL. La copertura è estesa agli infortuni occorsi durante lo svolgimento dell’attività professionale e a causa o in occasione di essa, i quali causino la morte, l’invalidità permanente o l’invalidità temporanea, nonché delle spese mediche; è incluso l’infortunio derivante dagli spostamenti resi necessari dallo svolgimento dell’attività professionale.

E’ ovvio che di materiale da leggere sulle fonti normative della polizza RC professionale per avvocati ce ne sia molto ma è importante avere questa prima infarinatura per gestire la propria scelta in modo razionale. Quello che appare come un obbligo è una tutela e si soldi spesi per tutelarsi sono investiti nella serenità del proprio futuro. Assumere questo punto di vista è essenziale.

Back To Top