skip to Main Content
+39 06 3759141 Ag802@hdiarete.it
Inabilità temporanea

Per decidere quali polizze sottoscrivere è importante essere consapevole di quel che realmente ti serve e di quel che ti si offre. Questo spesso non è possibile per colpa di un linguaggio tecnico delle assicurazioni che impedisce la trasparenza per chi non è del settore. Noi della L & N de’ Liguori crediamo che questa parete vada tirata giù soprattutto grazie a chi ne abbia i mezzi. Ecco perché ti spieghiamo l’inabilità temporanea cos’è e come funziona in caso di risarcimento.

La definizione d’inabilità temporanea

Ecco come spiegano gli esperti l’inabilità temporanea cos’è:

Si tratta di una forma d’infortunio per la quale è previsto un risarcimento da parte delle compagnie assicurative. Per essa è previsto, nel caso in cui il soggetto sia un lavoratore dipendente, l’indennizzo di malattia da parte dell’INPS. Si tratta di un danno fisico la cui caratteristica principale è proprio la transitorietà.

E’ un elemento importante nel mondo assicurativo perché entra in gioco sia nelle assicurazioni su infortunio e malattia sia sulle polizze RC Auto che coprono i danni recati a terzi. Facciamo un esempio.

Se un sinistro stradale causato da te provoca l’inabilità temporanea a una terza persona, l’assicurazione risarcirà l’infortunato come se questa persona fosse coperta da una polizza contro gli infortuni.

Semplificando, una chiara definizione d’inabilità temporanea potrebbe essere:

quel periodo necessario a riprendersi dalla malattia o dall’incidente che l’hanno causata.

Siccome è un periodo di tempo in cui la persona danneggiata è impossibilitata a svolgere le sue normali attività di vita quotidiana, l’inabilità temporanea prevede l’erogazione di un indennizzo che viene percepito dall’infortunato nella forma di diaria.

Tipologie d’inabilità temporanea

Essendoci nella parola l’aggettivo “permanente”, significa che il soggetto è danneggiato per un lasso di tempo e non per sempre. Chiarito questo punto, questi sono i diversi tipi di inabilità temporanea che viene indennizzata:

  • assoluta o totale, riconosciuta quando sussiste un’impossibilità fisica che impedisce alla persona di svolgere le normali attività di vita quotidiana in maniera assoluta, cioè nemmeno in minima parte. In questo caso si parla d’inabilità al 100%;
  • parziale, riconosciuta quando sussiste un’impossibilità fisica che permette alla persona di svolgere le normali attività di vita quotidiana in maniera parziale.

Questo secondo tipo, sua volta, può così essere suddiviso:

  • parziale (I.T.P.), cioè quando la persona è inabile al 50% e quindi ha una possibilità limitatamente precisa di svolgere le normali attività di vita quotidiana;
  • minima (I.T.M.), cioè quando la persona ha la possibilità di svolgere le normali attività di vita quotidiana in maniera quasi totale, è cioè inabile al 25 o 30%.

Cosa dice la legge

L’inabilità temporanea è considerata un “danno biologico limitato nel tempo” ed è questa la ragione per cui il risarcimento viene calcolato su base diaria. L’importo finale dipende dal numero dei giorni previsti per la guarigione, secondo un calcolo stabilito da questa normativa:

Secondo l’art. 139 del Decreto Legislativo n° 209 del 7 settembre 2005 – Codice delle Assicurazioni Private – comma 5: “Gli importi indicati nel comma 1 sono aggiornati annualmente con decreto del Ministro delle   Attivita’   Produttive,   in   misura corrispondente alla variazione dell’indice nazionale dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati accertata dall’ISTAT”

Dall’aprile 2016 è stato aggiornata la legge col Decreto Ministeriale del 19 luglio 2016, con la conseguenza che gli importi relativi all’inabilità temporanea sono stati stabiliti in 46,10€ per ogni giorno trascorso in malattia.

Come si calcola la diaria

Ora che sai l’inabilità temporanea cos’è, devi saper quantificare la diaria. Secondo quanto previsto dalla legge, per ogni giorno al 100% d’inabilità, il risarcimento è pari a 46,10€.

Per ogni giorno di inabilità temporanea parziale, il risarcimento è uguale alla percentuale dell’inabilità.  Lo puoi capire meglio da questi esempi di diaria da ITP:

  1. una percentuale di inabilità temporanea parziale del 50%darà diritto all’infortunato ad un risarcimento diario pari al 50% di 46,10€ (46,10 diviso 100 per 50 = 23,05€).
  2. una percentuale di inabilità temporanea parziale del 75%darà diritto all’infortunato ad un risarcimento diario pari al 75% di 46,10€ (46,10 diviso 100 per 75 = 34,57€).
  3. una percentuale di inabilità temporanea parziale minima del 25%darà diritto all’infortunato ad un risarcimento diario pari al 25% di 46,10€ (46,10 diviso 100 per 25 = 11,52€).

Ora hai uno strumento in più per valutare quanto interessante per le tue esigenze sia l’RC Auto che stai analizzando.

Se hai voglia di parlarne di persona per entrare più nel dettaglio del tuo caso, i nostri consulenti sapranno illustrarti le diverse opzioni davanti ad un caffè. Ti aspettano nella sede di Roma in via Timavo 3.

"Informazione pubblicitaria - Prima dell'adesione leggere il fascicolo informativo disponibile su www.hdiassicurazioni.it"

Back To Top