skip to Main Content
+39 06 3759141 Ag802@hdiarete.it
Piante da appartamento

Bisogna essere onesti: questa Fase 2 è stata una boccata d’ossigeno dopo i duri (e lunghi) mesi di lockdown tra marzo e giugno. Oltre alle incredibili perdite umane che l’Italia ha avuto e alle forti perdite economiche che abbiamo subito in molti, in generale è stato un percorso tortuoso per la psiche umana. Non è facile stare tutto quel tempo a casa e alcuni soggetti hanno sofferto più di altri, complici anche la solitudine e la noia. Ecco perché, in vista di una possibile seconda ondata di Coronavirus, che non tutti danno per certa ma che nessuno si sente di escludere, è bene non farsi trovare impreparati.

Un modo sano di trascorrere il tempo a casa è quello di occuparsi di giardinaggio. Ecco, tra le quattro mura, le informazioni principali sulle piante d’appartamento.

La pianta ombrello Schefflera

Sotto il nome di Schefflera sono comprese oltre novecento specie appartenenti alla famiglia delle Araliacee. Tra queste troviamo la pianta ombrello, che si presenta con un fusto eretto semi legnoso che in natura può crescere per diversi metri e con foglie lungamente picciolate, palmate e composte da 5-10 foglie semplici ovali.

Le foglie di questa pianta, coriacee e lucide, si sviluppano velocemente e in abbondanza e sono caratterizzate da una colorazione verde brillante con variegature gialle. La fioritura, difficile da ottenere se la pianta è coltivata in appartamento, avviene con lo sviluppo di fiori verdastri poco appariscenti raggruppati in racemi. Sebbene i fiori non siano il suo punto forte, tra le varie piante d’appartamento la Schefflera compensa egregiamente con la bellezza e la particolarità del fogliame.

Dove collocare la pianta ombrello

La Schefflera arboricola è tra le più facili piante d’appartamento  da gestire. Proviene da regioni tropicali e gradisce temperature elevate, in genere comprese tra i 20 e i 25°C. Per questa ragione, alle nostre latitudini è preferibile la coltivazione in vaso così da poter collocare la Schefflera in appartamento durante i mesi invernali. Sistemala lontano da eventuali correnti d’aria ed evitale sbalzi di temperatura. Per mantenere il portamento eretto della pianta ed evitare curvature in direzione della fonte luminosa, mettila in un luogo in cui possa essere raggiunta da molta luce in modo omogeneo, per esempio sotto un lucernario.

Piccolo consiglio sulle piante d’appartamento, allo scopo di favorire lo sviluppo corretto della pianta è possibile offrirle un sostegno cui legarla, come un bastone in bamboo. In primavera e in estate, o comunque quando la temperatura esterna è superiore ai 20°C, la Schefflera può essere sistemata all’aperto, scegliendo una posizione semi ombreggiata.

Quale terra usare nel vaso

Come tutte le piante da appartamento resistenti e rustiche la Schefflera predilige quelli terreni leggermente acidi, torbosi e con una parte di sabbia. Le irrigazioni devono essere abbondanti dalla primavera e fino all’estate: quando fa molto caldo, può essere irrigata anche due o tre volte alla settimana, evitando i ristagni di acqua nel sottovaso. Questa pianta gradisce molto gli ambienti umidi, dunque è utile nebulizzare le foglie mattino e sera durante le calde giornate estive. Poiché la coltivazione in vaso non assicura la presenza di nutrienti, in primavera e in estate occorre diluire nell’acqua di irrigazione un concime liquido per piante verdi, da somministrare due volte al mese.

Come trattarla

La Schefflera è assai semplice da coltivare e non richiede potature: è possibile eliminare eventuali foglie secche o effettuare tagli del fusto per contenerne la crescita. In generale le piante da appartamento coltivate in vaso non superano il metro e mezzo di altezza ma se la pianta dovesse svilupparsi in modo eccessivo la si può cimare in tarda primavera.

La moltiplicazione della pianta ombrello può essere effettuata attraverso talea apicale del fusto, da effettuare in primavera e in estate. Per quanto riguarda il rinvaso, invece, la pianta ombrello può vivere anche fino a quindici anni in appartamento, anche se coltivata in recipienti di piccole dimensioni. Se però si dovesse notare la fuoriuscita delle radici dalla parte inferiore del vaso o se si volesse avere una pianta di grandi dimensioni è possibile rinvasare la Schefflera nel periodo primaverile, utilizzando recipienti via via più grandi.

Quando si rinvasa la schefflera è bene sistemare sul fondo del vaso alcuni pezzi di coccio o una manciata di argilla espansa con funzione drenante.

Malattie e parassiti

Attenzione: se le piante da appartamento sono coltivate nelle condizioni ideali, possono essere soggette all’attacco di afidi, cocciniglia e ragnetto rosso: in questi casi sarà necessario eliminare i parassiti e intervenire attraverso l’uso di un antiparassitario, per salvare la pianta. Temperature sbagliate, irrigazioni inadeguate, sbalzi di temperatura e correnti di aria fredda possono rendere la Schefflera vulnerabile a funghi e a marciume radicale, oltre a determinare il disseccamento e la caduta delle foglie.

Rispettando però le poche esigenze delle piante da appartamento avrai una casa verde e trascorrerai del tempo di qualità. Ricordati che la nostra abitazione è importante, ancor più in caso di nuovo lockdown. Trattala bene proteggendole con le nostre polizze per casa. Se contatti sul sito un nostro consulente, ti illustrerà senza impegno le diverse opzioni in merito.

"Informazione pubblicitaria - Prima dell'adesione leggere il fascicolo informativo disponibile su www.hdiassicurazioni.it"

Back To Top