skip to Main Content
+39 06 3759141 Ag802@hdiarete.it
Criptovaluta di Facebook

La criptovaluta di Facebook inizia a diventare realtà. Circolava da tempo la voce che Zuckerberg avrebbe lanciato una moneta di Facebook ma adesso il golden boy è passato ai fatti. Il nuovo “conio” sta per arrivare in oltre 12 paesi entro la fine del 2010 e la squadra del giovane genio è così a buon punto su questo progetto da aver anche già trovato il nome.

Si chiamerà GlobalCoin la criptovaluta di Facebook. Dietro alla sua nascita ci sono importanti incontri tra Zuckerberg e personaggi come il Governatore della Banca d’Inghilterra Mark Carney, alcuni rappresentanti del Tesoro americano e i manager di Western Union, società specializzata nel trasferimento a basso costo di somme di denaro tra privati.

Come sarà la criptovaluta di Facebook

Di certo non c’è ancora nulla ma sembra essere molto accreditata l’ipotesi che si tratterà di una criptovaluta solo digitale che avrà di una garanzia forte. Quale? Godrà della protezione della blockchain, che è la stessa tecnologia che si usa in generale per le transazioni in bitcoin.

Questo renderà facile reperire la criptovaluta di Facebook. Gli utenti la potranno acquistare direttamente online e la potranno spendere per fare shopping all’interno del social network. Nello specifico, questa moneta di Facebook sarà utilizzabile nel circuito shops di:

  • Facebook;
  • Whatsapp;
  • Instagram.

A cosa serve la moneta di Facebook

Sia privati che aziende potranno usare la criptovaluta di Facebook per acquistare:

  • prodotti in vendita nel market;
  • servizi in erogazione sui social specificati al punto precedente;
  • crediti per le campagne promozionali dei contenuti sempre in quei precisi social.

La sicurezza della criptovaluta

Il problema spinoso che esiste in questa materia è la fiducia. Un utente deve credere fermamente nel lavoro di Mark Zuckerberg per decidere di convertire denaro in criptovaluta di Facebook. Molto di questa decisione passerà da quanto sicuro sembrerà il prodotto.Ci si chiede già ora quale sarà la sicurezza dei portafogli di Facebook, detto anche “wallet”.

Il lavoro degli hacker, pirati informatici in grado di entrare in luoghi non consentiti, è incessante. Lo dimostra la cronaca degli ultimi anni che riporta diversi casi di operatori dell’ecosistema bitcoin bucati da pirati informatici. A che pro? In pochi minuti questi hacker hanno fatto sparire milioni di dollari dai conti online.

La normativa sulla criptovaluta

Zuckerberg sta cercando di creare una valuta mondiale ma, al momento, deve confrontarsi con le leggi dei singoli paesi. In diverse nazioni, per poter emettere una criptovaluta che abbia valore legale, utilizzabile cioè per perfezionare scambi validi a norma di legge, è necessaria l’autorizzazione ad operare come banca.
Questo significa doversi confrontare con le diverse Banche Centrali a cui si chiede, in sostanza, di rinunciare al monopolio sulla moneta a vantaggio di un operatore che, di fatto, è e sarà sempre più in tutti gli smartphone e in tutti i PC del mondo.

I numeri

La forza di sviluppo della GlobalCoin si può vedere in questi semplici numeri:

  • attualmente nel mondo le criptovalute sono utilizzate solo da circa 30 milioni di persone;
  • gli utenti unici mensili di Facebook sono 2,4 miliardi.

Perché esiste la criptovaluta di Facebook

La ragione per cui Facebook vuole una sua moneta è semplice. Ha intenzione di seguire direttamente senza intermediari le transazioni dei propri utenti. Questo consentirebbe a Zuckerberg di godere di informazioni privilegiate su quel che accade all’interno del suo social network.

Spiegato in modo semplice, il team del social network potrà raccogliere nuove informazioni sul comportamento di consumo e di acquisto degli utenti creando database davvero molto precisi. Si tratterebbe di un modo per chiudere fuori le altre aziende.

Ecco perché Garrick Hileman, ricercatore alla London School of Economics, in merito ha dichiarato alla BBC che l’emissione della GlobalCoin potrebbe essere l’evento più significativo nella storia delle valute digitali.

Se ancora ti fidi poco di questa criptovaluta di Facebook e, in generale, di tutto il mondo dei bitcoin, considera che la gestione del risparmio in modo tradizionale noi la sappiamo fare molto bene e in totale trasparenza.

Passa nella sede di Roma in via Timavo 3 a chiacchierare con un nostro consulente oppure fatti un giro sul sito nella sezione “Risparmio ed investimento”. Se Facebook si sta facendo la sua moneta, tu puoi “farti” il tuo futuro.

Back To Top